Antiparassitari-Come-Cosa-Quando-Dove-Perch-Post-di-Facebook-1.png

Antiparassitari: Tutto quello che serve sapere

Prima di tutto chiariamo tre concetti fondamentali:
Azione di Repellenza= anti-feeding, ovvero impediscono la puntura dell’insetto/parassita (collare o fialetta).
Azione Parassiticida= uccide il parassita (compressa-iniezione-fialetta).
Profilassi= azione farmacologica che agisce in difesa e/o in prevenzione per una determinata malattia.
 

Perché utilizziamo gli antiparassitari?


Li utilizziamo per vari motivi:
-Prevenire alcune malattie gravi (per esempio la malattia da zecche, la Filariosi cardiopolmonare e la Leishmaniosi),
-Prevenire la trasmissione di endoparassiti e protozoi (come la Leishmania infantum, la Dirofilaria Immitis , la Tenia ecc..),
-Per prevenire le forme di dermatiti causate dagli ectoparassiti (per esempio la DAP – dermatite allergica da pulci, oppure le otiti da acari),
-Per proteggere indirettamente noi stessi dai parassiti (e prevenire eventuali zoonosi),
-Per garantire il benessere dei nostri animali.
 
 

Quali sono i parassiti che dobbiamo combattere e Come li combattiamo?


Zanzara ⭢ trasmette Filaria (verme che si insedia nel cuore) : agiamo con la Repellenza (classica fialetta sulla cute + spray antiparassitario ad azione repellente al bisogno).

Filaria (Dirofilaria Immitis)  ⭢ agiamo con Profilassi utilizzando un farmaco che uccide le microfilarie in compressa mensile o con l’iniezione annuale che di solito si effettua in primavera.

Flebotomo (Pappatacio)  ⭢ trasmette Leishmania (protozoo che provoca gravi danni sistemici) : agiamo con  Repellenza (fialetta sulla cute + spray antiparassitario con azione repellente da applicare al bisogno).

Leishmania  ⭢ agiamo solo con la repellenza contro i pappataci, vettori della Lieshmania, che sono attivi dal tramonto all’alba nei mesi che vanno da maggio a ottobre. Se il cane contrae la Leishmania attraverso la puntura del pappatacio non c’è modo di curarlo definitivamente, dovrà affrontare delle terapie per evitare che vada incontro a danni sistemici. Esiste tuttavia un vaccino che stimola la risposta immunitaria e riduce la probabilità di contrarre la malattia, ma l’efficacia non arriva al 100%, dunque alcuni cani potrebbero ammalarsi comunque. Tuttavia, nel caso in cui l’infezione avvenga ugualmente, il vaccino allevia i sintomi della malattia e ne rallenta lo sviluppo. Ovviamente deve essere sempre associato alla repellenza.

Zecca ⭢ trasmette varie malattie come: Babaesia, Erlichiosi, malattia di Lyme, Borrelia burgdorferi  attraverso il suo morso: agiamo con Repellenza + azione parassiticida data sia dalla fialetta, sia ancor più dalla compressa. Entrambe vanno date mensilmente (o a seconda del loro spettro d’azione per cui leggere sempre il foglietto illustrativo). La fialetta impedisce che la zecca si attacchi alla cute oltre che allontanarla o ucciderla, la compressa garantisce l’uccisione della zecca solo dopo che quest’ultima ha iniziato cibarsi del sangue di chi la ospita.

Pulce ⭢ provoca DAP (dermatite allergica da pulci) , tenia, prurito, anemia: agiamo con la repellenza utilizzando la fialetta + azione parassiticida con  la compressa, come per le zecche. Ricordiamo però che un cane che passa gran parte della sua vita all’aperto necessita dell’antiparassitario tutto l’anno perché le pulci sono presenti ovunque e sempre.

Acaro ⭢ provoca la Rogna: lo trattiamo con un parassiticida con funzione acaricida (con le compresse e alcune fialette).

Vermi cestodi ⭢ antielmintico in compressa o fialetta, ciclicamente o al bisogno.

Vermi Nematodi  ⭢ antielmintico in compressa o fialetta, ciclicamente o al bisogno.
 
 

Quando vanno applicati/somministrati gli antiparassitari?


I parassiti esterni (pulci, zecche, zanzare, flebotomi) a causa del cambiamento climatico sono presenti più o meno tutto l’anno, è importante informarsi riguardo la propria zona.
Solitamente Per un animale che vive esclusivamente in casa (come il gatto) è possibile applicare un antiparassitario in fialetta sul pelo per un’azione repellente da aprile fino ad ottobre. Per un animale che invece trascorre molto tempo all’aperto è meglio decidere di proteggerlo tutto l’anno con l’utilizzo di un repellente e un parassiticida.
Ogni farmaco ha una durata di azione specifica, è quindi necessario leggere il foglietto illustrativo per sapere esattamente ogni quanto tempo va somministrato (di norma con cadenza mensile).
Nella nostra zona, in Veneto, da tempo ormai si effettua la prevenzione per la Leishmaniosi da maggio ad ottobre. Negli ultimi anni, infatti, si sono verificati diversi casi di questa malattia. 

Per quanto riguarda la profilassi contro la Filariosi è meglio provvedere da marzo/aprile fino a novembre (per chi utilizza la compressa mensile), chi invece effettua l’iniezione è coperto per l’intero anno senza preoccupazioni. L’iniezione viene dosata in base al peso dell’animale per cui va da sé che per i cuccioli in accrescimento è necessario utilizzare la compressa modulando la dose in base al peso che man mano raggiunge il cucciolo. Una volta terminata la crescita si può passare all’iniezione per comodità, oppure continuare a somministrare la compressa mensile nei periodi indicati.
Infine, per quanto riguarda i vermi intestinali si può decidere di sverminare il proprio cane o gatto una o due volte all’anno in via preventiva, oppure lo si può fare al bisogno, ovvero quando, dopo un esame delle feci, si riscontra la presenza di parassiti intestinali.
 
 

Dove si applica il repellente?


Il repellente in fialetta va applicato in una zona particolare del corpo dell’animale, ovvero tra le scapole o sulla base del collo. È molto importante ribadirlo perché soltanto in questa zona il cane o il gatto non può arrivare a leccare il prodotto. Inoltre, il prodotto va applicato sulla cute e non sul pelo, perché deve essere veicolato dal grasso cutaneo su tutto il corpo. Se lo applichiamo sul pelo rischiamo che non abbia alcun effetto e andrebbe sprecato.
Ricordiamo inoltre che per garantire la diffusione del prodotto su tutta la cute dell’animale non dobbiamo assolutamente lavarlo per i 5 giorni antecedenti e successivi all’applicazione, questo perché altrimenti andremo a togliere il sebo che, come abbiamo detto prima, veicola il prodotto su tutta la superficie corporea.

La disinfestazione ambientale:
Altra cosa molto importante: se il nostro animale è infestato dalle pulci, per esempio, dobbiamo necessariamente disinfestare anche l’ambiente in cui vive, oltre che somministrargli degli antiparassitari (repellente + parassiticida). Questa pratica è fondamentale per evitare una re-infestazione dell’animale stesso, ma anche per proteggere noi stessi. Ricordiamo infatti che i parassiti possono infestare anche l’uomo provocando delle zoonosi (es. le zecche). Basterà utilizzare un detergente disinfettante o dei prodotti specifici per gli ambienti infestati.
 
La disinfestazione dell’animale:
Non dobbiamo trascurare di esaminare la pelliccia del nostro animale anche se lo proteggiamo dai parassiti. È bene controllare la zona del collo, delle orecchie, del torace e dell’inguine, dove la cute è più sottile e dove le zecche preferiscono attaccarsi, soprattutto dopo una passeggiata nell’erba alta, e procedere con la rimozione utilizzando preferibilmente l'apposita pinzetta rimuovi zecche.
 

Con la speranza che questo articolo possa esservi utile, vi ricordiamo che molti dei prodotti indispensabili per proteggere i vostri animali dai parassiti interni ed esterni sono disponibili nel nostro shop nella sezione dedicata.
Per quanto riguarda la profilassi per Filariosi e Leishmaniosi chiedete sempre al vostro Medico Veterinario che saprà fornirvi le soluzioni farmacologiche più adatte e consone per il vostro vostro animale. 
 
Ci vediamo al prossimo articolo!
Pamela

Richiedi informazioni