Progetto-senza-titolo---2024-03-14T105456933.png

Gatti vs. Cani: Qual è il Migliore Animale Domestico per Te?

Sei in quella fase della vita in cui senti che è giunto il momento di condividere l’amore?
Stai cercando la tua metà della mela?
No, non sto parlando di relazioni amorose fra umani ma in un certo senso il concetto è simile, sto parlando dell’importante scelta di adottare un compagno di vita peloso!

Se sei alle prime armi, e ti stai informando su quale orizzonte è meglio indirizzarsi sei nel posto giusto!
 Da una parte abbiamo la dinamicità dirompente del compagno canino, dall’altra la beatitudine dei pisolini del compagno felino... la scelta si fa ardua...
Andiamo a capire chi dei due fa per noi!

L’affetto intermittente del Gatto:
Per quanto riguarda il Gatto possiamo certamente dire che è un dispensatore di affetto ad intermittenza, cioè lo fa quando ne ha voglia e lo fa in modo sorprendente. Con questo suo atteggiamento riesce a farsi desiderare talmente tanto che quando riusciamo a ricevere il suo affetto sembra quasi un privilegio, un premio che ci fa sentire fieri di noi stessi e felici di essere lì in quel momento.
Quindi se da un lato non possiamo paragonarlo al cane a livello di affettività, sicuramente trova sempre il modo di renderci orgogliosi e felici di essere suoi sudditi... ehm volevo dire proprietari!

La gestione del Gatto:
Parlando concretamente della gestione del gatto, ovvero della sua alimentazione, pulizia, cura e attività ludica possiamo certamente affermare che è perfetto per chi non ha maturato moltissima esperienza con gli animali; infatti, è un animale tendenzialmente solitario che non necessità di compagnia continua e talvolta ama essere lasciato in pace. Si alimenta in modo autonomo fin da piccolo, riesce a regolarsi la quantità di cibo durante la giornata suddividendola in piccoli pasti al giorno; fin da cucciolo impara da solo a fare i propri bisogni nella lettiera e tendenzialmente non sporca il pavimento, a meno che non stia manifestando del disagio fisico e psichico. L’attività ludica è circoscrivibile all’interno dell’ambiente domestico e non necessita di grandi spazi.
Le cure sono indispensabili, come la cura del manto utilizzando spazzole e pettini per favorire la muta stagionale, oltre che i normali controlli dal veterinario e le relative vaccinazioni. Il gatto inoltre è un animale che difficilmente rende facile la comprensione tempestiva dei sintomi di un possibile malessere ma lo fa in modo palese soltanto quando sta veramente molto male; quindi, è importante non tralasciare mai nessun dettaglio del suo comportamento durante la convivenza. Se viene lasciato libero di uscire di casa va controllato e vaccinato regolarmente.
È fortemente consigliato, se non obbligatorio, sterilizzare il proprio gatto una vola raggiunta la maturità sessuale, verso il settimo mese di vita.
Nonostante le sessioni di gioco possano essere fatte in casa e non richiedano particolare sforzo sono molto importanti. Non dobbiamo mai, per pigrizia o altro, evitare di giocare con il nostro gatto perché ne risentirebbe davvero molto a livello mentale e fisico.
Insomma, non vogliamo far passare il messaggio che avere un gatto sia un gioco da ragazzi perché necessita comunque di particolari attenzioni e cure.
Se dobbiamo andare in vacanza possiamo lasciarlo in casa a patto che ci sia ogni giorno, anche più volte al giorno, una persona fidata e conosciuta (dal gatto) a prendersi cura dei suoi bisogni.
Altra cosa fondamentale è la pulizia della cassetta dei bisogni, deve essere sempre rinnovata e pulita per garantirgli un benessere ottimale.
Se adottiamo un gatto dal pelo lungo, le sessioni di spazzolatura del manto dovranno essere quotidiane; è infatti fondamentale mantenere il suo pelo districato e pulito ogni giorno.
 
L’affetto incontenibile del cane:
Per quanto riguarda il cane possiamo dire sicuramente che l’affetto e la voglia di interagire con noi non mancherà mai, ci accoglierà sempre al nostro rientro come se non ci vedesse da anni, e sarà sempre felice di vederci! Avere un cane è sicuramente un’esperienza di vita unica e totalizzante.

La gestione del cane:
Il cane necessita di molto tempo da dedicargli, dalle passeggiate giornaliere alle cure veterinarie, è impossibile pensare di tenere un cane parcheggiato in giardino!
Ci sono molti aspetti della nostra vita che una volta preso un cane vanno ridimensionati o cambiati, per questo è fondamentale valutare bene in precedenza se siamo disposti a questi cambiamenti oppure no.
 Il cane va vissuto ogni giorno, gli deve essere dedicato tutto il tempo a lui necessario per le coccole, i bisogni, le passeggiate, l’igiene, la pulizia e le importantissime sessioni di gioco.
Richiede un ampio spazio abitativo, specialmente se è di taglia grande. Non dovrebbe mai essere lasciato solo per lunghi periodi; l'ideale sarebbe evitare ciò del tutto. Quando pianifichiamo un viaggio, è importante considerare se portarlo con noi e valutare le strutture che consentono la sua presenza, oppure, se non possiamo proprio portarlo in viaggio con noi, è possibile contattare una pensione previo inserimento, in modo che possa trascorrere il tempo senza di noi in totale serenità fino al nostro ritorno.
Fin dalla più tenera età, è essenziale accompagnare e guidare il suo sviluppo personale e sociale, spesso con il supporto di professionisti, affinché possa integrarsi armoniosamente nelle diverse situazioni sociali, garantendo così la sua presenza tranquilla e sicura al nostro fianco in ogni momento.

Se il nostro lavoro ci tiene impegnati irremovibilmente per tutta la giornata forse avere un cane (o un animale domestico in generale) non fa per noi.
Se temiamo per l’incolumità della nostra casa, forse avere un animale non fa per noi.
Se per noi un cane è soltanto un cane e quindi deve stare fuori, non prendiamolo.
Se abbiamo dei figli che ci chiedono insistentemente un animale domestico e noi non abbiamo minimamente idea di come ci si prenda cura di lui, non prendiamolo per accontentarli, sarebbe solo un errore.

Ho approfondito la questione nell’articolo “Perché non doresti mai regalare un cucciolo” e ti consiglio di leggerlo attentamente per avere ancora più dettagli sulla questione.

 Se siamo pienamente consapevoli della responsabilità e dell'impegno richiesto nel prendersi cura di un animale domestico, e siamo pronti a dedicargli tutto l'amore e l'attenzione di cui ha bisogno, allora è giunto il momento di correre al rifugio per adottare il nostro compagno di vita!
 Che sia un peloso scodinzolante o un dispensatore di fusa!
 
Ci vediamo al prossimo articolo,
Pamela.

Richiedi informazioni